Wor(l)d of Morrissey
  We're back! Welcome to the world of Morrissey's lyrics.

This site and all of the work made to update it are dedicated to my beloved friend MaCa65 who suddenly left this lonely planet
and me without words. Throughout the short stretch of time that we have been given to spend together as close friends, we shared many things,
thoughts and passions. Back in 1983, together we discovered a band called The Smiths and together since then, we followed Morrissey's career
as one of most influential and inspiring singer/artist/poet of our age. Maca65 has been a strong supporter when I first launched WoM,
so this is and will always be entirely for you, my friend. -- David

Home
News
Lyrics
Lyrics Updates
Who's Who
Literary Treasure Hunt
LTH Form
Links
Contact
Copyleft
Full-Text Lyrics Search
Albums
[b-sides]
[covers]
[singles]
[unreleased]
Beethoven Was Deaf
Bona Drag
Greatest Hits
Hatful Of Hollow
Kill Uncle
Live At Earls Court
Louder Than Bombs
Low In High School
Maladjusted
Meat Is Murder
My Early Burglary Years
Rank
Rare Tracks
Ringleader Of The Tormentors
Southpaw Grammar
Southpaw Grammar (LE)
Strangeways, Here We Come
Swords
The Queen Is Dead
The Smiths
The World Won't Listen
Vauxhall And I
Viva Hate
World Of Morrissey
World Peace Is None Of Your Business
Years Of Refusal
You Are The Quarry
Your Arsenal


© 2003-2021
David LM
Bengali In Platforms

Bengali, Bengali
Bengali, Bengali
No no no
He does not want to depress you
Oh no no no no no
He only wants to impress you

Bengali in platforms
He only wants to embrace your culture
And to be your friend forever
Forever

Bengali, Bengali
Bengali, Bengali
Oh, shelve your Western plans
And understand
That life is hard enough when you belong here

A silver-studded rim that glistens
And an ankle-star that.. blinds me
A lemon sole so very high
Which only reminds me to tell you
"Break the news gently
Break the news to him gently"
Shelve your plans, shelve your plans, shelve them

Bengali, Bengali
It's the touchy march of time that binds you
Don't blame me
Don't hate me
Just because I'm the one to tell you
That life is hard enough when you belong here
That life is hard enough when you belong here

Shelve your Western plans
Shelve your Western plans
'Cause life is hard enough when you belong
Life is hard enough when you belong here

Shelve your Western plans
'Cause life is hard when you belong here
Life is hard enough when you belong



A very controversial song for the line "life is hard enough when you belong here", seen as a proof in Morrissey's racist tendencies debate. As Rogan says, with its tone of condescension politely mocking, "it's hard to justify these lyrics as anything other than incredibly badly thought out. Easily offensive, two justifications are that it was purposefully done to incite the critics and that the definite setting of the song is in the 1970s".

It seems that Morrissey has no case to defend here, except the accusation that rather than be an over-inhibited liberal tip-toeing around a sensitive subject, he has tackled the very experience of being 'other'. The central idea seems to be that Morrissey is urging the Bengali in question not to assimilate under the pressure to do so, but rather to remain true to his culture. The issue is not one of belonging geographically (i.e. of leaving the country), but of not being accepted purely on other people's terms. It seems a celebration of diversity, rather than exclusivity. And it seems strange that the speaker should be so concerned that the Bengali might 'blame' or 'hate' him, if he (ie Morrissey) is as uncaring, dismissive and racist as is suggested.



Album: Viva Hate
Year of Publication: 1988
Lyrics: Morrissey
Music: Stephen Street

last update: 18.01.2005

Do you have additions and/or corrections about the lyrics or comments?
Please send them in! or
Write on the Message Board of these lyrics! or
Read the Message Board about these lyrics!
Bengalesi su scarpe a zeppa

Bengalesi, bengalesi
Bengalesi, bengalesi
No no no
Non è che vuole deprimervi
Oh no
Lui vuole soltanto impressionarvi

Bengalesi sulle zeppe
Vuole soltanto abbracciare la vostra cultura
Ed essere vostro amico per sempre
Per sempre

Bengalesi, Bengalesi
Bengalesi, Bengalesi
Oh mettete da parte i vostri piani per l'Occidente
E cercate di capire
Che la vita è già abbastanza dura se si è di questo posto

Un orlo argentato che luccica
Ed una stelletta alla caviglia che.. mi acceca
Una suola giallo limone così alta
Che non fa che ricordarmi di dirvelo
"Informatelo con gentilezza
Informatelo con gentilezza"
Mettete da parte i vostri piani per l'Occidente, metteteli da parte

Bengalesi, Bengalesi
E' la suscettibile marcia del tempo che vi vincola
Non biasimatemi
Non odiatemi
Solo perché sono io quello che vi dice
Che la vita è già abbastanza dura se si è di questo posto
La vita è già abbastanza dura se si è di questo posto

Mettete da parte i vostri piani per l'Occidente
Mettete da parte i vostri piani per l'Occidente
Perché la vita è già abbastanza dura se si è di qui
La vita è già abbastanza dura se si è di questo posto

Mettete da parte i vostri piani per l'Occidente
Perché la vita è già abbastanza dura se si è di questo posto
La vita è già abbastanza dura se si è di questo posto

Una canzone davvero controversa soprattutto per il verso "life is hard enough when you belong here", visto dalla critica come prova nella polemica sulle voci che riguardavano tendenze razziste o nazionaliste di Morrissey. Johnny Rogan, un biografo degli Smiths, dice, a proposito di questo testo, che "è difficile giustificare queste parole tranne che per essere state concepite in modo incredibilmente brutto. Senza dubbio offensive, due giustificazioni sono che Morrissey l'abbia fatto di proposito per accendere le critiche e che il contesto del brano è negli anni Settanta".

Sembra invece che l'autore non abbia alcun caso da difendere, tranne dall'accusa che piuttosto che essere un liberale iper-inibito che tocca un tema sensibile, egli abbia saggiato la stessa esperienza di sentirsi 'altro'. L'idea centrale è che Morrissey sta chiedendo ai Bengalesi in questione di non assimilarsi per forza alla cultura del paese che li ospita (l'Inghilterra, ovviamente), ma piuttosto di rimanere fedeli alla loro cultura. Non è questione di appartenenza geografica, ma di non essere accettati puramente nei termini di persone. Il testo sembra una celebrazione della diversità più che della esclusività. Ed appare strano che chi parla nel testo debba preoccuparsi che i Bengalesi possano 'incolparlo' o 'odiarlo' per il fatto di essere indifferente, sbrigativo o razzista, come è stato erroneamente supposto.


Album: Viva Hate
Anno di pubblicazione: 1988
Testo: Morrissey
Musica: Stephen Street

ultimo agg.: 18.01.2005

Avete correzioni alla traduzione, aggiunte al commento e alle note?
Allora scrivete! oppure
Scrivete sul Message Board di questo testo! oppure
Leggete i commenti degli altri visitatori su questo testo!